La cultura, adesso

Berlino. Attorno al 1980, la fotografia cominciò ad assumere un nuovo, importante ruolo nel panorama del mondo dell’arte. Il punto di partenza della mostra al Museum für Fotografie di Berlino, «FOTOGRAFIE: Wolfgang Schulz e la scena fotografica attorno al 1980» (fino all’11 ottobre), è proprio questo emozionante momento di cambiamento che vide la nascita della rivista «Fotografia. Magazine di arte fotografica internazionale» (in seguito ribattezzata: «Fotografia: la cultura adesso»), uscita in 40 numeri tra il 1977 e il 1985 e pubblicata dall’editore e fotografo tedesco Wolfgang Schulz. In mostra opere dello stesso Schulz e di Hans Christian Adam, Gosbert Adler, Dieter Appelt, Heiner Blum, Joachim Brohm, Dörte Eißfeldt, Verena von Gagern (nella foto, «Barbara», 1978), André Gelpke, Dagmar Hartig, Andreas Horlitz, Hans-Martin Küsters, Reinhard Matz, Angela Neuke, Heinrich Riebesehl, Wilhelm Schürmann, Holger Stumpf, Ulrich Tillmann/Wolfgang Vollmer, Petra Wittmar e Miron Zownir.

Francesca Petretto