All’ultimo secondo

Dal 3 febbraio al 13 aprile, le mostre di Gregorio Botta ed Elisabetta Novello alla Galleria Nazionale d’arte moderna e contemporanea trovano il baricentro nella poesia di Emily Dickinson e nella levità di materiali evanescenti. «Each second is the last» è il verso della poetessa americana che fa da titolo ispiratore alla mostra della Novello, che allestisce opere, ambienti, scritte e percorsi, manipolando cenere, polvere, carbone, oppure disponendo foglie, piume, piccole carte: tracce e testimonianze che alludono allo scorrimento ininterrotto del tempo e alla circolarità della vita. «Just measuring uncosciousness» è invece il titolo del percorso di «misurazione dell’inconscio» e del mistero connesso articolato da Gregorio Botta (nella foto «Senza titolo», 2013). Vetro, acqua in flebili rivoli, rifrazioni luminose a parete, in sculture mobili e diafane installazioni, compongono stazioni di una progressiva rarefazione delle presenze, anche quando queste hanno la natura della cera o dell’alabastro o della carta, nell’allestimento murale «Abbi cura di te». Fino al 22 marzo è visitabile anche la mostra «Evergreen. Storia di Attilio», con 80 tra disegni, studi, libri e modellini del principale illustratore italiano per bambini, Attilio Cassinelli, oggi 96enne.

G.G.