Non fa una piega. Anzi, sì

Lione. Il Musée des Beaux-Arts ha costruito una mostra sul panneggio nell’arte dal Rinascimento ad oggi a partire da un disegno della sua collezione: uno studio di Albrecht Dürer (1471-1528) realizzato la pala d’altare raffigurante l’Assunzione e il Coronamento della Vergine commissionatagli per la Chiesa dei dominicani di Norimberga. È lo studio del panneggio del manto della Vergine ed è una delle rare testimonianze di quel dipinto andato distrutto nel Settecento durante un incendio. Intorno a questo disegno è nata la mostra «Drapé, da Michelangelo a Cattelan», che si tiene dal 30 novembre all’8 marzo ed è curata da Sylvie Ramond, direttrice del polo museale di Lione, e dal conservatore Éric Pagliano. In mostra anche uno studio di Michelangelo per la Cappella Sistina del British Museum di Londra (nella foto) e uno studio a sanguigna di donna e panneggio di Charles Le Brun del Louvre. Il disegno, che avvicina al gesto dell’artista, ci fa poi entrare negli atelier di Ingres, Moreau e Poussin. Férnand Léger e Gino Severini hanno continuato a lavorare sul motivo del drappeggio che continua ad affascinare gli artisti di oggi, anche se il disegno è stato superato da tecniche nuove. E così che il panneggio persiste ancora come eredità senza tempo in Ernest Pignon-Ernest e Maurizio Cattelan.

Luana De Micco