Stelle nere

Bruxelles. La galleria Nathalie Obadia presenta la prima personale a Bruxelles dedicata a Nú Barreto, artista originario della Repubblica di Guinea-Bissau (dove è nato nel 1966), che vive e lavora a Torcy, nei pressi di Parigi. La mostra «Homo Imparfaits» si tiene dal 5 settembre al 26 ottobre. A Bruxelles Barreto, una delle figure di spicco della scena artistica contemporanea africana, espone alcuni recenti disegni inediti in inchiostro rosso e collage (tra cui «Leader sans Protection», del 2019) e le grandi pitture della serie «États Désunis d’Afrique», un lavoro profondamente politico iniziato nel 2009, in cui l’artista rivisita la bandiera americana con i colori principali delle bandiere dei Paesi africani, il verde, il giallo e il rosso. Le stelle nere sono sparse in modo disordinato sulla tela strappata. Barreto denuncia in questo modo la mancanza di unità dei Paesi africani che per lui è all’origine della dipendenza del continente dalle potenze estere. In «La Source», del 2018 (nella foto), i volumi di autori africani agganciati a ogni stella sono un segno di speranza e un messaggio per i popoli africani a prendere in mano il proprio destino. I lavori di Barreto sono regolarmente presentati alla fiera d’arte contemporanea di Parigi AKAA-Also Known as Africa. Barreto ha anche partecipato alla collettiva itinerante «Lumières d’Afriques» presentata nel 2015 al Palais de Chaillot di Parigi e nel 2017 al Palais des Nations di Ginevra, oltre che a Dakar, Abidjan o ancora Addis Abeba.

L.D.M.