Vermiglio fiammeggiante

Fino al 29 settembre la National Gallery, presenta, curata dal direttore Gabriele Finaldi, la versione londinese della mostra «Bartolomé Bermejo: Master of the Spanish Renaissance», dedicata alle poche opere superstiti di uno stupefacente artista del Quattrocento spagnolo Bartolomé Bermejo. Bartolomé de Cárdenas detto Bermejo, ovvero il Rosso (Vermiglio in italiano), benché figura di cui assai poco si sa, fu tra i più originali pittori del secondo Quattrocento spagnolo, capace di fondere il retaggio del Gotico fiammeggiante con i fermenti visionari e fiamminghi di Bosch, grazie a una carriera pittorica itinerante (dovuta forse alla sua origine di ebreo «converso») che lo portò a contatto con le varie culture dell’Europa d’Oltralpe. La versione londinese della mostra si focalizza da un lato sulle sei opere di Bermejo mai viste finora fuori di Spagna: in primo luogo la «Desplà Pietà» (1490), così chiamata dal committente Lluís Desplà, arcidiacono della Cattedrale di Barcellona, dove l’opera è sempre rimasta, e il «Trittico della Vergine di Monserrat», proveniente dalla Cattedrale di Acqui Terme (Alessandria), e dipinto nel 1470-75 per il patrizio mercante di sete Francesco della Chiesa, a cui si affiancano quattro pannelli del ciclo di «Cristo Redentore» (anch’essi del 1470-75). Dall’altro, vero focus della mostra è «San Michele trionfa sul diavolo con il committente Antoni Joan» (nella foto), olio e foglia d’oro su tavola del 1468 conservato alla National Gallery, considerato il più importante dipinto di alta epoca spagnola presente nel Regno Unito ed esposto per la prima volta dopo il restauro, da cui emerge una più ampia leggibilità dell’elaborata tecnica pittorica di Bermejo. Probabile parte di un trittico d’altare dedicato a san Michele per la chiesa omonima di Tous, presso Valencia, è la prima delle venti opere note di Bermejo nei suoi oltre trent’anni di attività, documentata dalla ricevuta autografa del pagamento esposta per la prima volta in assoluto accanto al quadro.

Giovanni Pellinghelli del Monticello