Il castello dei bambini reali

Blois (Francia). Il Castello reale di Blois presenta «Bambini del Rinascimento» fino al primo settembre. Una mostra inedita «al tempo stesso scientifica, basandosi su ricerche recenti portate avanti da un team di storici riconosciuti, e ludica, raccontando alcuni aspetti della vita familiare nel Rinascimento, ha spiegato la conservatrice e curatrice della mostra Elisabeth Latrémolière. È anche al castello di Blois, ha precisato la specialista, che sono cresciuti i bambini reali, non solo i figli di Caterina de’ Medici ma anche quelli di Anna di Bretagna e di Claudia di Francia, due regine che hanno vissuto e sono morte a Blois». La mostra è anche uno dei momenti forti dell’omaggio organizzato nella Valle della Loira per i 500 anni del Rinascimento, che ricorda tanto l’anniversario della morte di Leonardo (il 2 maggio 1519, a Amboise) che la nascita di Caterina de’ Medici (il 13 aprile 1519, a Firenze). Sono presentate 150 opere con prestiti dal Louvre, dal castello di Versailles e dalla Bibliothèque Nationale de France. Il percorso è in tre tempi. La prima sezione è dedicata alla maternità e ai rischi del parto, partendo dal dato che, nel XVI secolo, tra 200 e 400 neonati su mille non raggiungevano l’età adulta. La seconda sezione illustra l’universo infantile, l’abbigliamento, i giochi, la vita quotidiana. La terza, col titolo «Crescere alla corte», si concentra sul quotidiano dei futuri principi e re che vivevano perlopiù separati dai loro genitori e circondati da centinaia di servitori.

L.D.M.