Grande abbuffata contemporanea

L’ipertrofica Summer Exhibition allinea ben 1.500 opere

Inaugurata il 10 giugno, la 251ma edizione della Summer Exhibition si tiene nelle sale della Royal Academy fino al 12 agosto. Organizzata ogni anno senza interruzioni dal 1769 (il museo era stato fondato da Giorgio III nel 1768), è la maggiore esposizione d’arte contemporanea aperta a libere candidature esistente al mondo. Quest’anno sono oltre 16mila gli artisti che hanno risposto al bando di partecipazione: il comitato di selezione, capitanato dal presidente della Royal Academy Christopher Le Brun, ha scelto di distribuire nelle gallerie del museo 1.500 opere, molte delle quali sono presentate al pubblico per la prima volta. La maggior parte dei lavori è in vendita e acquistabile durante la visita o sul sito dell’istituzione: il ricavato permette di contribuire al finanziamento degli studenti della Royal Academy School, l’accademia d’arte più antica del Regno Unito e attualmente l’unica in Europa che offra programmi triennali gratuiti. La tradizionale esposizione estiva dell’istituzione londinese è l’occasione di esporre opere recenti dei protagonisti del mondo dell’arte contemporanea accanto a giovani artisti, inclusi gli studenti della Royal Academy School, che sono automaticamente invitati a proporre fino a sei opere ciascuno. Coordinata dal pittore inglese Jock McFadyen RA, l’esposizione di quest’anno include opere del britannico Thomas Houseago, che presenta un gruppo di sculture in una delle corti del museo, una serie di fotografie panoramiche del regista Wim Wenders e le sculture della tassidermista Polly Morgan. Tra i lavori esposti spicca un’opera del 74enne Anselm Kiefer: all’artista tedesco, membro onorario della Royal Academy dal 1996, il museo londinese ha dedicato una retrospettiva nel 2014.

Bianca Bozzeda