Speedy Graphito & Co.

La quarta edizione di Urban Art Fair, fiera internazionale dedicata all’arte urbana, si tiene dall’11 al 14 aprile al Carreau du Temple. Le gallerie sono 32. Vi partecipa Wunderkammern (Roma e Milano), che rappresenta artisti come JonOne e Edoardo Tresoldi. Alla prima partecipazione sono anche Ground Effet di Parigi e ArtCan di Marsiglia. La svizzera Artrus (Melano) allestisce Banksy e Keith Haring, Bartoux (New York, Parigi) Noe Two e Fin Dac, Brugier-Rigail (Parigi) Jean-Michel Basquiat e Shepard Fairey. Openspace (Parigi) presenta un solo show di Maxime Drouet, graffitista che lavora sui treni e che in fiera propone un percorso di pannelli retroilluminati. Urban Spree (Berlino) allestisce un’installazione di apparecchiature elettriche dello street artist Evol. Ange Basso (Parigi) espone Blek le Rat, Art Five (Marsiglia) Speedy Graphito, e Wallworks (Parigi) Katre. Al centro del Carreau du Temple è presentata una scultura monumentale dello street artist Mist (nella foto una sua opera). Opere inedite di Laurence Vallière e Dan Rawlings sono esposte all’ingresso. Per la facciata Ludo realizza una delle sue figure ibride, «manifesto» ecologico e anticapitalista, che si vedono nelle strade da Roma a Bangkok. Il pubblico può inoltre seguire le performance degli artisti inglesi Ben Eine e Dotmaster.