Eterno ritorno

Napoli. La Galleria Andrea Ingenito contemporary art dal 7 marzo al 20 aprile espone più di venti lavori di Lello Masucci (Napoli 1948) che tracciano il suo percorso dagli anni ’80 alla produzione più recente. «Pitture velate» è il titolo della mostra, che rinvia immediatamente a quella produzione di Masucci in cui il colore si dà come materia sottile, creando una sorta di velatura, tratto identificativo del lavoro dell’artista. L’esposizione dedica anche un approfondimento agli studi preparatori per il lavoro «Sacchi di Notti napoletane» (1986). La vicenda di Masucci ha inizio negli anni ’70 sul versante performativo, mentre negli anni ’80 si dedica alla pittura. Negli anni ’90 la sua riflessione, invece, è orientata a indagare i rapporti tra nuove tecnologie, il web e l’arte. Dopo un affondo sulle possibilità estetiche della letteratura elettronica e sperimentazioni in ambito teatrale su soluzioni interattive analogiche e digitali, Masucci, infine, più di recente, è tornato a interessarsi a una produzione più propriamente pittorica. Nella foto, «Velato rosso giallo», 2018.

O.S.V.